Psicomotricità relazionale

Dalla trentennale ricerca del prof. André Lapierre nasce la
PSICOMOTRICITA’ RELAZIONALE
che si basa su questi punti forti:


CORPO, inteso come strumento di espressione e di comunicazione della persona;


RELAZIONE, in quanto condizione indispensabile per lo sviluppo e la crescita affettiva e cognitiva della persona.


GIOCO, come attività naturale attraverso la quale il bambino/a esplora, comprende, rielabora la realtà, e conquista la propria autonomia.


 

Questa attività si propone di sostenere il processo di crescita del bambino/a accompagnandolo in tutti quegli aspetti che ne caratterizzano il percorso:

foto1

bisogni:

foto2 foto3

divieti, conflitti

foto4 foto5

ambivalenze, desideri nella relazione con l’adulto e con i coetanei

foto6

Il gruppo è l’ambiente privilegiato che permette al bambino/a di confrontarsi con questi contenuti

foto7 foto8

La psicomotricità relazionale è stata elaborata inizialmente dall’esperienza con i bambini/e, e successivamente si è estesa a tutti quegli ambiti che si occupano del benessere e della crescita dell’individuo, anche adulto.